• Chiudi

Cerca per marca

Categorie

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

Tutti i prodotti che compri, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005). Ai sensi degli articoli da 128 a 135 del Codice del Consumo, i consumatori hanno il diritto, tra l’altro, di ottenere dal venditore la riparazione o sostituzione gratuita dei prodotti che presentino un difetto di conformità nei 24 mesi successivi alla data di consegna. Il difetto deve essere denunciato entro 2 mesi dalla scoperta.

Chi ha diritto di richiedere l’applicazione della garanzia legale ai sensi del Codice del Consumo?

Solo i consumatori possono beneficiare della garanzia legale, ovvero persone fisiche che hanno acquistato un prodotto per l’uso non inerente ad un’attività commerciale, imprenditoriale o professionale. Pertanto fatture recanti la partita IVA di un’impresa o di un professionista non danno diritto ai diritti di cui alla garanzia legale.

Come e quando è possibile richiedere l’applicazione dei rimedi della garanzia legale?

Ai sensi del Codice del Consumo, un consumatore può richiedere al venditore di un prodotto l’applicazione se i rimedi della garanzia legale per difetti di conformità che si siano manifestati nei 24 mesi successivi alla consegna del prodotto. Il consumatore deve denunciare il difetto entro 2 mesi dalla scoperta. I consumatori possono richiedere l’applicazione dei rimedi della garanzia legale a condizione che forniscano la prova dell’acquisto (es. ricevuta fiscale o scontrino) del prodotto. E’ perciò importante conservare sempre la ricevuta relativa all’acquisto del prodotto.

Cos’è un difetto di conformità?

Ai sensi dell’articolo 129 del Codice del Consumo, un prodotto presenta un difetto di conformità se non è idoneo all’uso al quale servono abitualmente prodotti dello stesso tipo, se non è conforme alla descrizione del venditore in termini di qualità o prestazioni.

Cosa fare in pratica nel caso di difetto di un prodotto acquistato ?

Nel caso in cui un consumatore scopra che un prodotto comprato presenta un difetto di conformità, deve scrivere una e-mail a info@blubattery.com indicando il difetto riscontrato, il numero seriale del prodotto e/o il numero stampigliato sulla batteria e la data dello scontrino o della fattura. Molto utile è anche quello di inviare delle foto che evidenzino il difetto riscontrato. Se il problema non può essere risolto telefonicamente e/o se il prodotto richiede una diagnosi tecnica al fine di verificare l’effettiva esistenza di un difetto di conformità, al cliente verrà dato un numero di reso (RMA) da applicare sul pacco. Il materiale dovrà essere spedito alla nostra sede operativa Blu batterie snc C.so Allamano 13 int. S1 - 10095 – Grugliasco (TO). Qualora la riparazione o sostituzione del prodotto risulti impossibile, eccessivamente onerosa, richieda troppo tempo o possa causare notevoli inconvenienti al consumatore, quest’ultimo ha diritto al rimborso totale o parziale del prezzo dietro restituzione del prodotto. La Blu batterie snc, dopo aver ricevuto questi dati, provvederà ad attivarsi per la sostituzione o la riparazione del prodotto acquistato. Prima di procedere alla eventuale sostituzione in garanzia la batteria dovrà essere testata dalla nostra azienda e/o dal costruttore. Previa autorizzazione al reso (numero di RMA). Per eventuali chiarimenti sulla procedura puoi contattare la Blu batterie snc al numero Tel. 011 95.28.157

Differenza tra Garanzia Legale e Garanzia Commerciale:

Garanzia Legale: la garanzia di 2 anni è valida solo per i consumatori, Codice del Consumo (Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005). Si intende per "consumatore" esclusivamente "colui che utilizza il bene per scopi estranei alla attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta" (uso domestico e/o privato). La garanzia legale prevista dalla direttiva è prestata al consumatore direttamente dal venditore e risponde di ogni "difetto di conformità al contratto di vendita" e può essere applicata ogni qual volta il consumatore riscontri una differenza tra le caratteristiche dichiarate di un prodotto e quelle proprie dell'articolo acquistato o di mancanza di caratteristiche promesse. La garanzia non comprende i normali fenomeni di usura (come nel caso delle batterie primarie o accumulatori ricaricabili). in caso di sostituzione del bene non conforme, si riserva la possibilità di rimpiazzarlo con altro di versione successiva.

Garanzia commerciale: questa garanzia si chiama "garanzia commerciale" o "garanzia convenzionale" e si applica a tutti, anche ai non “consumatori” che chiedono la fattura con la partita I.V.A. In caso di acquisti per attività Imprenditoriale o Professionale (vendite con fattura e Partita IVA) la garanzia valida è solo quella Commerciale che di norma è di dodici mesi, salvo diverse Garanzie offerte dalle case produttrici.

Garanzia commerciale sulle batterie: su tutte le batterie il periodo di garanzia è di 1 anno sui difetti di fabbricazione dal ricevimento della merce. La garanzia non comprende i normali fenomeni di usura o di utilizzo con condizioni che pregiudicano la perdita della garanzia: Utilizzo a temperatura elevata , Lasciare inattiva la batteria, Scaricare le batterie oltre il loro limite massimo, Sovraccarica, Utilizzo con un numero di cicli di carica e scarica uguale o superiore a quanto sotto indicato (nel caso degli accumulatori ricaricabili ciclici che hanno un numero limitato di cariche e scariche).

Vedere Tempi di vita della batteria: punti: 1/2/3/4.

Tutte le batterie ricaricabili hanno un ciclo di vita limitato e che in certi casi è inferiore o uguale alla garanzia commerciale di 1 anno: Batterie AGM VRLA - Stand by use: 200 / 300 cicli al 80% di profondità di scarica, mentre al 30% della sua capacità raggiunge i 1000 cicli a 20°C. Batterie AGM VRLA - Cicliche - Deep Cycle: 300/400 cicli al 80% di profondità di scarica mentre scaricata al 30% della capacità raggiuge i 1.200 cicli a 20°C.

Perdita della garanzia: decade la garanzia se non si rispettano le seguenti avvertenze: si perde il diritto di richiedere la garanzia se il difetto o il danno è stato provocato da un utilizzo non conforme. Si definiscono non conformi le seguenti azioni :

Apertura dell’apparato, riparazioni o interventi eseguiti da parte del cliente o di persone non autorizzate dal produttore, difetti o danni provocati da caduta o rottura. Infiltrazioni di liquidi o da onde elettromagnetiche. Accessori non idonei all’apparato e/o non autorizzati dal produttore. il cliente per esercitare i suoi diritti, ha l'onere di denunciare il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui ha constatato il difetto. Nel caso di sostituzione del prodotto o di un componente, i prodotti o le singole parti rese, a fronte della sostituzione, diventano di proprietà del produttore. La prestazione eseguita in garanzia non prolunga il periodo della garanzia. Pertanto, in caso di sostituzione del prodotto o di un suo componente, sul bene o sul singolo componente fornito in sostituzione non decorre un nuovo periodo di garanzia ma si deve tener conto della data dell'acquisto del bene originario. Si escludono ulteriori diritti, di qualsiasi tipo. In caso di acquisti per attività Imprenditoriale o Professionale (vendite con fattura e Partita IVA) la garanzia valida è solo quella Commerciale che di norma è di dodici mesi, salvo diverse Garanzie offerte dalle case produttrici.

Carica delle batterie:
  • la carica deve essere fatta con caricabatteria a tensione costante seguendo tassativamente i dati riportati sulla batteria. Una tensione errata può portare all'immediato deterioramento della batteria stessa. L’utilizzo di un alimentatore non è ammessa in quanto non idonea e pericolosa alla ricarica delle batterie (non ha il controllo di fine carica).
  • Accertarsi di utilizzare un carica batterie con una corrente di carica idonea a caricare le batterie in 8-12 ore. E' suggerito scegliere un carica batterie che abbia almeno il 10% della capacità (Ah.) della batteria, mentre per il solo mantenimento è possibile utilizzare anche carica batterie elettronici con bassa corrente erogata.

Scarica delle batterie:

  • Non deve essere portata, durante la fase di scarica, ad a una tensione inferire a 5,25 Volt per una batteria da 6V, 10,80 Volt per una batteria da 12Volt.
  • Non deve mai essere scaricata oltre l’ottanta percento (solo per le batterie cicliche).
  • Non deve essere lasciata scarica dopo il suo utilizzo, ma deve essere ricaricata immediatamente.

    Utilizzo improprio:

    • Se si utilizza in modo improprio (ad esempio: batteria AGM Stand by utilizzata come batteria ciclica o per applicazioni solari o come batteria avviamento).
    • Se non si rispettano le avvertenze indicate nei punti: 1/2/3/4 "Tempi di vita della batteria".

      VEDI ANCHE:  "CURA E MANUTENZIONE DELLE BATTERIE AL PIOMBO"

      AVVERTENZE - per un corretto funzionamento della batteria è necessario attenersi alle seguenti prescrizioni:

      Cura delle batterie: la protezione della batteria è estremamente importante per evitare spiacevoli e costosi scaricamenti, in particolare nel caso di veicoli che restano inutilizzati per periodi di tempo prolungati come macchinari agricoli stagionali, auto d'epoca e motocicli. Le batterie inutilizzate si scaricano gradualmente e, qualora non siano trattate, possono danneggiarsi irreparabilmente.

      Ecco alcuni suggerimenti dei nostri fornitori per la protezione delle batterie dei veicoli che non vengono utilizzati regolarmente.

      Rimessaggio stagionale o invernale del veicolo:

      • Controllare che la batteria non presenti crepe. In caso contrario, la batteria deve essere smaltita o riparata da un professionista.
      • Pulire accuratamente la parte superiore della batteria, i morsetti e i collegamenti con acqua e bicarbonato di sodio per rimuovere eventuale sporcizia o umidità. Sporcizia e umidità accelerano lo scaricamento naturale della batteria.
      • Pulire, asciugare e ingrassare leggermente i terminali di contatto per proteggerli dalla corrosione.
      • Nelle batterie ad acido libero di tipo tradizionale (non quelle senza manutenzione), controllare il livello dell'elettrolito e rabboccarlo tra i segni min/max solo con acqua distillata.
      • Ricaricare regolarmente la batteria per evitare che si scarichi a fondo. Qualora si disponga di una presa elettrica in garage o nella propria rimessa, si raccomanda l'uso di un caricabatterie intelligente in grado di mantenere i livelli di carica nonché la batteria in buone condizioni affinché il veicolo sia sempre pronto per l'uso.

      Prima di riavviare il veicolo:

      • Accertarsi che i terminali della batteria siano puliti e fissati saldamente.
      • Controllare i livelli di carica della batteria e ricaricarla all'occorrenza.
      • Molti pensano che avviando la batteria con l'ausilio di un'altra batteria e lasciando il veicolo in funzione a lungo, la batteria sia ricaricata dall'alternatore. Tuttavia, questo non corrisponde alla realtà in quanto l'alternatore ricarica solo parzialmente la batteria. Dopo questo periodo di funzionamento iniziale, la batteria deve essere ricaricata completamente, altrimenti si scaricherà di nuovo.
      • Utilizzare possibilmente un buon carica batterie intelligente, automatico con tecnologia di mantenimento e con dispositivo di fine carica, a prova di scintille e inversione di polarità. Infatti grazie alla tecnologia di mantenimento, i carica batterie possono essere lasciati collegati alle batterie per mesi senza preoccuparsi di nulla.

      Tempi di vita della batteria: Il tempo di vita di una batteria può variare considerevolmente a seconda di diversi fattori. I più importanti sono il corretto impiego e la corretta manutenzione (ricarica).

      • (1) Vita attesa di un accumulatore: la vita attesa di una batteria o di progetto varia anche di molto in funzione della temperatura d’esercizio della stessa. La vita attesa delle batterie è stata redatta in base alle specifiche Eurobat alla temperatura di 20°C . Utilizzare la batteria con una temperatura d’esercizio sopra i 20°C riduce anche notevolmente la vita attesa della batteria (life expectancy). Come dimostra chiaramente il grafico sotto indicato pubblicato dalla guida EUROBAT per le batterie VRLA AGM. A 40°C la vita attesa si riduce a 0,25, cioè ad ¼ della vita attesa !
        https://www.blubattery.com/PDF_Cataloghi/Eurobat_pr_eg_guide.pdf

        Principali che possono determinare il danneggiamento prematuro della batteria:
      • (2) Lasciare inattiva la batteria (solfatazione per autoscarica).
        Una caratteristica di tutte le batterie al piombo acido è quella dell’autoscarica. Se non utilizzate per lunghi periodi si autoscaricano. Questo accade molto spesso durante il rimessaggio invernale dei veicoli, delle motociclette e dei veicoli elettrici e carrelli da golf. In primavera quando si vorrà riutilizzare la batteria, nonostante si tenti più volte di ricaricarla, non funziona più. La batteria si è "solfatata", ovvero gli elettrodi si sono rivestiti di cristalli a base di piombo-zolfo sufficientemente grandi e profondi da non poter più essere rimossi durante il processo di ricarica. Tale processo (solfatazione) è praticamente irreversibile e condanna la batteria ad una fine prematura facilmente evitabile se la batteria fosse stata tenuta sempre al 95-100% della sua carica durante il periodo d'inutilizzo del veicolo tramite un carica batterie con funzione di mantenimento della carica. N.B. La batteria quando è carica misura 13,5-13,8 Volt quando misura 12 Volt la batteria non è carica!
      • (3) Scaricare le batterie oltre il loro limite massimo (corrosione elettrodi)
        La scarica della batteria oltre il suo limite massimo danneggia la batteria. Infatti ogni volta che la batteria viene scaricata in questo modo, una frazione degli elettrodi si corrode andando a depositarsi sul fondo della batteria stessa. Ovviamente questo determina una progressiva minore superficie di scambio tra l'elettrolita e l'elettrodo all'interno della batteria insieme ad una minore resistenza meccanica degli elettrodi stessi (in quanto corrosi).
      • (4) Sovraccarica (distruzione elettrolita)
        Sovraccaricare la batteria è un errore grave in quanto i suoi effetti spesso non sono visibili. Erogando una corrente costante indipendentemente dallo stato della batteria causerà l'evaporazione in breve tempo (ore) dell'elettrolita nelle batterie standard (o sigillate MF), o la formazione di cavità (bolle di gas) nell'elettrolita gelificato nel caso delle batterie al Gel.


      Tecnologia delle batterie AGM: Le batterie al Piombo AGM VRLA (Valve Regulated Lead-Acid) sono batterie al piombo a ricombinazione, anche se vengono chiamate ermetiche. Le batterie al piombo-acido AGM (Absorbent Glass Matt) hanno all’interno una microfibra di vetro che trattiene completamente l’acido, consentendo di ridurre la distanza tra le piastre e di impiegare una minore quantità di acido. Le batterie vengono assemblate sotto pressione e restano sotto pressione anche durante il funzionamento. In questo modo si evita la dispersione dell’acido e la conservabilità della batteria aumenta. È assolutamente a prova di fuoriuscite (anche qualora il monoblocco venisse danneggiato) e si potrebbe perfino montare capovolta. Sono senza manutenzione e in condizioni normali, non emettono gas durante la carica.

      Scelta del tipo di batteria AGM: esistono diverse categorie di batterie AGM: stand-by, cicliche (dove è richiesta una continua carica e scarica, per servizi di bordo, per UPS, per avviamento. Occorre scegliere la batteria corretta in base all’impiego e alle condizioni di installazione.

      Batterie AGM VRLA - Stand by use: 200 / 300 cicli al 80% di profondità di scarica, mentre al 30% della sua capacità raggiunge i 1000 cicli. Corrente di carica standard: max. 1/3 della capacità - Tensione di carica tampone: 13,5 - 13,8V - Tensione di carica uso ciclico: 14,7 - 15,0V Batterie AGM VRLA - Cicliche - Deep Cycle: grazie all' utilizzo di una piastra particolare, è idonea per l'utilizzo in apparecchiature per disabili, carrelli elettrici per il golf, elevatori ecc.. La sua efficienza nelle scariche è data dalla possibilità di effettuare circa 300/400 cicli al 80% di profondità di scarica mentre scaricata al 30% della capacità raggiuge i 1.200 cicli. Corrente di carica standard: max. 1/3 della capacità - Tensione di carica tampone: 13,5 - 13,8V - Tensione di carica uso ciclico: 14,7 - 15,0V. Per le batterie GEL: Tensione di carica uso ciclico: 14,10 - 14,40V. La durata di vita della batteria viene considerata in numero di cicli.

      Carica delle batterie: - la carica deve essere fatta con caricabatteria a tensione costante seguendo tassativamente i dati riportati sulla batteria. Una tensione errata può portare all'immediato deterioramento della batteria stessa. L’utilizzo di un alimentatore non è ammessa in quanto non idonea e pericolosa alla ricarica delle batterie (non ha il controllo di fine carica). - Accertarsi di utilizzare un carica batterie con una corrente di carica idonea a caricare le batterie in 8-12 ore. E' suggerito scegliere un carica batterie che abbia almeno il 10% della capacità (Ah.) della batteria, mentre per il solo mantenimento è possibile utilizzare anche carica batterie elettronici con bassa corrente erogata.

      Scarica delle batterie: - non deve essere portata, durante la fase di scarica, ad a una tensione inferire a 5,25 Volt per una batteria da 6V, 10,80 Volt per una batteria da 12Volt. - Non deve mai essere scaricata oltre l’ottanta percento (solo per le batterie cicliche). - Non deve essere lasciata scarica dopo il suo utilizzo, ma deve essere ricaricata immediatamente.

      Avvertenze: la batteria contiene acido solforico. Bisogna prestare attenzione quando viene manipolata. In caso di contatto accidentale con l'acido non toccarsi gli occhi ne la bocca. Lavarsi immediatamente con acqua corrente. Recarsi al Pronto Soccorso dell'Ospedale.

      Smaltimento:
      le batterie deve essere smaltita secondo i regolamenti attuali
Chi siamoCondizioni generaliSpedizioniGaranziaDiritto di recessoRMA / ResiCura e manutenzioneContattiCookie Policy

NEWSLETTER